Blog

La responsabilità civile degli avvocati

La responsabilità civile

 

È stato pubblicato 11 ottobre 2016 in Gazzetta Ufficiale il decreto del Ministero della Giustizia che obbliga gli avvocati alla stipula di una polizza a copertura della responsabilità professionale.

Il decreto, entrerà in vigore tra un anno, l’11 ottobre 2017.

 

Il decreto, stabilisce che tutti gli avvocati devono stipulare un’assicurazione obbligatoria che copra sia la responsabilità civile derivante dall’esercizio della professione sia gli infortuni causati dall’attività svolta, sia per gli avvocati singoli sia per coloro che esercitano la professione in associazione o in società. Inoltre la polizza infortuni deve essere prevista anche per i loro collaboratori, praticanti e dipendenti per i quali non sia operante la copertura assicurativa obbligatoria I.N.A.I.L.

 

L’articolo 1, del nuovo decreto obbliga tutti gli avvocati alla copertura assicurativa della responsabilità civile ” per tutti i danni che dovesse colposamente causare a terzi nello svolgimento dell’attività

professionale ” (si ricorda che non sono considerati terzi i collaboratori e i familiari dell’assicurato).

L’assicurazione deve coprire la responsabilità “per qualsiasi tipo di danno: patrimoniale, non patrimoniale, indiretto, permanente, temporaneo, futuro”, la “colpa grave”,

 

Inoltre l’assicurazione deve prevedere, “la copertura della responsabilita’ civile derivante da fatti colposi o dolosi di collaboratori, praticanti, dipendenti, sostituti processuali”, oltre che “custodia di documenti, somme di denaro, titoli e valori ricevuti in deposito dai clienti o dalle controparti processuali di questi ultimi”

 

Il decreto infine prevede che la copertura assicurativa preveda “anche a favore degli eredi, una retroattivita’ illimitata e un’ultrattivita’ almeno decennale per gli avvocati che cessano l’attivita’ nel  periodo di vigenza della polizza”

 

L’assicurazione sugli infortuni

 

La polizza assicurativa sugli infortuni è tenuta a coprire “gli infortuni occorsi durante lo svolgimento dell’attività professionale e a causa o in occasione di essa”, e che causino la morte o l’invalidità temporanea o permanente degli avvocati e dei loro collaboratori, praticanti o dipendenti. È espressamente specificato che la polizza copra anche “i rischi assicurati l’infortunio derivante dagli spostamenti resi necessari dallo svolgimento dell’attivita’ professionale”

Ulteriori obblighi

 

Qualora la polizza non venisse stipulata, per gli avvocati trasgressori è prevista la cancellazione dall’albo professionale.

 

Gli estremi della polizza assicurativa devono essere tempestivamente comunicati al Consiglio dell’ordine, pena la sanzione dell’illecito.

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *